gomme invernali e Covid-19: ecco le novità

pneumatici invernali

Possibile usare le “gomme invernali”
fino al 15 giugno 2020

battistrada pneumatico invernale

battistrada pneumatico invernale

Per coloro che questo inverno hanno installato gli pneumatici termici, detti anche gomme termiche, gomme da neve, pneumatici da neve …. una notizia senz’altro positiva: il termine entro il quale sostituire gli pneumatici con quelli “normali” o estivi, per effetto dell’epidemia Covid-19 e del conseguente blocco di quasi tutte le attività, è stato prorogato dal 15 maggio al 15 giugno 2020.

pneumatici invernali sigla M+S

pneumatici invernali sigla M+S

Tutto chiaro?

Sarà possibile circolare dunque con pneumatici declassati come classe di velocità anche dopo il 15 maggio e più precisamente fino al 15 giugno 2020, ma attenzione: con  l’aumento della temperatura ambiente l’usura del pneumatico termico è superiore e l’aderenza non è come quella di un pneumatico estivo.

Come si riconosce un pneumatico invernale?

sigla per riconoscere un pneumatico invernale

indicazione di pneumatico invernale

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con circolare prot. 335/M361 del 30 settembre 2004, definisce pneumatico invernale quello contrassegnato sul fianco dalla marcatura:

  • M+S
  • MS
  • M-S
  • M&S

dove M significa Mud (fango) e S significa Snow (neve).

Assieme al contrassegno M+S solitamente i pneumatici invernali sono riconoscibili anche per la presenza (non obbligatoria) del “Three Peaks Mountain Snow Flake”, un simbolo che raffigura un fiocco di neve all’interno di una montagna a tre cime.

Three Peaks Mountain Snow Flake, simbolo pneumatico invernale

simbolo americano per identificare un pneumatico invernale
(“Three Peaks Mountain Snow Flake”)

Visivamente lo pneumatico invernale si può distinguere da quello normale (c.d. “estivo”) osservando il suo battistrada, che presenta un elevato numero di lamelle e canali sui tasselli del battistrada, che favoriscono il riempimento di neve, per aggrapparsi meglio al fondo stradale oppure per drenare elevate quantità di acqua, garantendo una aderenza superiore in ogni condizione di marcia.
Inoltre la composizione chimica della gomma (mescola) risulta modificata rispetto ad uno pneumatico estivo, con una concentrazione superiore di silice, che rende lo pneumatico più “morbido” alle basse temperature (< 7 °C), con conseguente maggiore elasticità dello stesso che si traduce in maggiore grip.

Riassumo brevemente: gli pneumatici invernali si riconoscono per il contrassegno M+S, M-S, MS, M&S indicato sul fianco e per il disegno del battistrada, ricco di tasselli.
Può essere presente anche il simbolo del “fiocco di neve su una montagna a 3 punte”.

Riferimenti normativi

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, prot. 12047 del 30.04.2020

data ultimo aggiornamento: 05.05.2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

area riservata

Il nostro sito utilizza cookie per rendere migliore la tua esperienza di navigazione; proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo di cookie tecnici, analitici, terze parti e delle altre tecnologie descritti nella nostra cookie policy. Per maggiori dettagli e/o per modificare le tue impostazioni di utilizzo dei cookie clicca su Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi