Provata per VOI:

dash cam

GI500

the next generation of dashcam

dashcam GI500 by G-Net System

E’ finalmente disponibile in Italia la dash cam GI500, prodotta dal fabbricante coreano G-Net System Co., Ltd (www.gnetsystem.com), leader nella produzione di dispositivi di sicurezza (telecamere, car dvr, pc dvr, …) in collaborazione con Assistenza Video Auto, impresa che opera da anni nel settore delle telecamere per veicoli; in questo articolo svelo le qualità, le caratteristiche ed i punti critici di questo modello che fa parte della the next generation of dashcam, cioè una nuova visione e concezione di telecamere per veicoli: più facili,  più sicure da utilizzare e con importanti novità tecnologiche.
Questo modello rappresenta un top di gamma per funzioni, qualità e prezzo (fascia premium) nel mondo delle telecamere per auto, e dovrà confrontarsi con altri modelli già presenti sul mercato, come la BlackVue DR650GW-2CH, prodotto abbastanza costoso ma molto apprezzato da chi cerca dashcam senza display di qualità.
In Italia la dash cam GI500 sarà disponibile in 3 versioni, che si distinguono per la scheda di memoria già presente (32, 64 o 128 GB) a cui possono poi essere abbinati il mini GPS logger e il Wi-Fi dongle come accessori.
Come di consueto, saranno indicati pregi e difetti di questa dashcam dual camera che segna un nuovo riferimento nel mondo delle dashcam.

Caratteristiche principali:

  • dimensioni compatte (L x H x P): 10,2 x 6,1 x 3,5 cm (ant.)/5,37 x 2,8 x 2,8 cm (post.)
  • risoluzione video: Full HD anteriore/D1 posteriore
  • obiettivo ant. grandangolare 135°
  • display touchscreen 3,5″ (novità!)
  • tecnologia JDR (novità!)
  • guida vocale in italiano (novità!)
  • funzione Wi-Fi
  • funzione GPS logger (esterno)
  • memoria microSD fino a 128 GB
  • fissaggio con supporti biadesivi al parabrezza ed al lunotto
  • telecamera posteriore D1
  • senza batteria interna e senza condensatore (novità!)
  • prezzo: 269-339 Euro
  • app dedicata GNET
  • programma di visualizzazione e riproduzione PC Viewer

per chi è adatta

Questo modello è adatto per chi vuole una dash cam che:

  • sia facile da usare ed intuitiva
  • abbia lunga autonomia di registrazione (oltre 30 ore con 128 GB, un record)
  • vuole poter registrare quanto accade a retro del veicolo
  • possa connettersi con smartphone e tablet per scaricare i video
  • vuole memorizzare anche posizione e velocità del veicolo.

Nella versione provata (128 GB, con GPS logger e Wi-Fi dongle), fornita da Assistenza Video Auto, la dashcam si presenta all’interno di una confezione appositamente realizzata per il mercato italiano: lo si nota subito perchè tutto è … scritto in lingua italiana! Sembra strano, abituato a provare telecamere che hanno scritte in tutte le lingue (cinese, coreano, inglese, …) ma mai in italiano.
Aperta la confezione a cofanetto, si nota subito l’ordine: è presente guscio in plastica bianca preformata, chiuso da un coperchio trasparente, che divide i vari componenti. Viene fornito anche un guida rapida all’uso: è di fatto un mini manuale con le principali istruzioni per capire come utilizzare la dash cam touchscreen. Se si vuole tutto il manuale, è disponibile sul sito (https://assistenzavideoauto.com/area-download/).
Anche in questo modello di telecamera, prodotto in Corea del Sud si nota l’elevata cura del fabbricante G-Net System nel realizzare il prodotto, con componenti davvero ben fatti e curati.
Questa telecamera dunque è consigliata a chi vuole una dash cam semplice da usare ma high-tech, a chi già conosce cosa cosa le app, la connessione wifi, il GPS logger, perchè così può utilizzare al meglio tutte le funzioni di questa dash cam di nuova generazione.

il fabbricante

Il fabbricante G-Net System è un costruttore coreano di Seoul, società fondata nel 1998, che produce dispositivi come telecamere, car dvr, …; azienda ISO 9001, ha collaborato con Samsung, LG e da quest’anno, grazie ad una partnership con Assistenza Video Auto, ha sviluppato, partendo dal modello GI500 nella versione coreana/inglese, un modello pensato e adatto per il mercato italiano.

confezione

La dash cam GI500 è fornita in una scatola di colore bianco, ben costruita, con apertura a cofanetto: spicca nella parte frontale l’immagine della dashcam con le principali caratteristiche tecniche in italiano; nelle altre facciate della scatola troviamo poi l’indicazione completa sia dei dati del fabbricante che dell’importatore esclusivo, la marcatura CE, il tipo di modello ed il numero seriale dell’apparecchio. All’interno è presente un vassoio in materiale termoplastico che raccoglie in modo ben ordinato la telecamera anteriore, quella posteriore, i cavi, la memoria, i supporti di fissaggio, … il tutto chiuso da un coperchio trasparente.
Si tratta di un packaging ben realizzato, che dona al prodotto un tocco in più di eleganza.

aspetto e qualità dei materiali

L’involucro esterno delle telecamere (bicolore grigio-blu quella anteriore, di colore nero quella posteriore)  si presenta ben realizzato, rifinito con cura, con piccole griglie di aerazione nella parte inferiore (per favorire la dissipazione del calore generato dai componenti interni), che dimostra una evidente cura nell’assemblaggio, ottenuto senza viti a vista.
Molto piacevole alla vista la finitura lucida frontale “a diamante”, che conferisce un tocco di eleganza a questa dispositivo.
Il supporto biadesivo per parabrezza, in materiale plastico e trasparente, è ben realizzato e l’aggancio con la telecamera anteriore è semplice e nel contempo molto stabile.
Nel complesso la finitura della dash cam è molto buona e personale.

novità: touchscreen

Questa dash cam GI500 presenta un display interattivo: non sono presenti i pulsanti, ad eccezione del tasto on/off, perchè tutto si gestisce toccando il display, come negli attuali smartphone e tablet.

novità: tecnologia JDR

Questa dash cam GI500 utilizza la nuova tecnologia JDR, che sostituisce quella presente nella quasi totalità delle dashcam (FAT32): le immagini registrate vengono memorizzate in modo continuo sulla scheda di memoria in modo ordinato, superando tutti gli aspetti negativi della vecchia tecnologia FAT32. Grazie al file system JDR non serve più la batteria tampone al litio od il condensatore, necessari per consentire, in caso di mancanza improvvisa di energia, la chiusura ed il salvataggio delle immagini. Tecnologia JDR significa maggiore sicurezza e rapidità nel salvare i filmati, per ottenere una maggiore affidabilità del dispositivo.
Questo aspetto nella scelta di una dash cam può sembrare poco importante ma laddove si vuole sicurezza ed affidabilità, tra gli addetti ai lavori è un aspetto di primaria importanza, prima ancora della qualità video.
Riporto di seguito un confronto che spiega la differenza tra il file System JDR e gli altri formati.

formati-video-a-confronto-jdf

salvataggio ordinato JDR file system

 

formati-video-a-confronto

salvataggio random (casuale) con altri file system

schema-funzionamento-gnet

funzionamento archiviazione filmati
con file system JDR

schema-funzionamento-altre-dashcam

funzionamento archiviazione filmati
con altri file system

novità: Wi-Fi dongle

Questa dash cam GI500 può essere equipaggiata di un modem wi-fi di piccolissime dimensioni agganciandolo alla porta USB laterale: con questo accessorio la dashcam può essere utilizzata per connessioni senza fili con tablet, smartphone, … per fare cosa?
E’ possibile riprodurre quanto ripreso in live ma soprattutto è possibile rivedere i filmati appena registrati, scaricarli direttamente sul telefono ad es. per inviarli o salvarli in Cloud.
Poter disporre immediatamente dei filmati è un vantaggio oltre che una notevole praticità.
Sempre wi-fi è possibile accedere al setup della telecamera per modificare le impostazioni.

dimensioni e montaggio

Questa telecamera è adatta per tutti i veicoli che dispongono di un parabrezza e di un lunotto; il fissaggio tramite biadesivo deve avvenire direttamente sul cristallo, evitando di applicare la dashcam sulla parte verniciata o scura del parabrezza; la regolazione del campo visivo della dash cam è facile ed intuitiva: basta ruotare a scatti il corpo cilindrico delle telecamera posteriore finchè non si trova la posizione corretta, mentre per quella anteriore è sufficiente allentare la vite, regolare il campo visivo e riserrarla. Il mini GPS logger è esterno, si fissa con il biadesivo in dotazione ed ha un cavo di lunghezza 0.5 m che termina con un connettore jack da inserire nella telecamera anteriore.
Una domanda che mi aspettavo ma che nessuno ha fatto è:
perchè nei modelli coreani si utilizza il biadesivo per fissare i supporti al veicolo anzichè la ventosa?
Il motivo di questa scelta è legato alla qualità del filmato video: utilizzando il supporto biadesivo viene garantita una maggiore precisione nell’accoppiare la telecamera al parabrezza, conferendo maggiore rigidità e sicurezza, che significa meno vibrazione e minore probabilità di distacco. Inoltre nel supporto a ventosa con il tempo la gomma tende a seccarsi ed indurirsi, con il rischio di staccarsi. Il biadesivo invece mantiene la giunzione stabile, consente di posizionare la telecamera più vicina al parabrezza, garantendo prestazioni superiori, oltre a ridurre la superficie occupata.

qualità dei filmati

Questa dash cam monta sensori CMOS davanti e dietro. Si tratta di componenti dalle buone prestazioni, che garantiscono una risoluzione massima Full HD 1080p 30FPS davanti e D1 480p 30FPS dietro.
Sarebbe stato eccezionale disporre di una risoluzione ancora superiore (Super HD, Quad HD) ma ad oggi non sono presenti sul mercato modelli dual camera con queste prestazioni.
La risoluzione della telecamera posteriore è ridotta (480p) ma garantisce comunque una visione sufficiente di quanto accade a tergo del veicolo.
In merito alla risoluzione va detto che i fabbricanti coreani, a differenza dei loro omologhi cinesi, si mantengono come risoluzione massima sul Full HD, producendo dispositivi che sulla carta sembrano meno performanti, ma che in realtà si dimostrano molto più stabili e affidabili di quelli “made in China”.

Da segnalare come l’angolo di ripresa sia di 135° e qualcuno potrebbe obiettare che sia poco rispetto a modelli molto meno costosi che arrivano anche a 170°: a tal fine l’importatore Assistenza Video Auto ha pubblicato questo esempio che dimostra come nella realtà l’angolo di ripresa della dash cam GI500 sia equivalente ad un grandangolare 170°.
La distorsione delle immagini dovuta al grandangolo (c.d. effetto “fisheye”) risulta poco invasiva e tale da garantire immagini di qualità.

campo di ripresa dash cam GI500

campo di ripresa dash cam cinese 170°

Guardando le 2 immagini si evidenzia, qualora non fosse stato già chiaro, come il fissaggio con biadesivo, oltre a conferire maggiore stabilità all’immagine, consente di posizionare la telecamera più vicina al parabrezza ottenendo una copertura migliore.
Prima di vedere i filmati va subito chiarita la logica di funzionamento della telecamera, diversa rispetto alle altre telecamere classiche e simile a quella della BlackVue DR650GW-2 CH: in maniera automatica i filmati, di durata variabile, possono essere di tipo “NORMALE”, “URTO”, “PARCHEGGIO” o “MOVIMENTO”; è la telecamera stessa, sulla base della sensibilità impostata (tramite setup direttamente sul touchscreen, oppure tramite app da telefonino oppure tramite il programma PC Viewer da pc), che definisce se il filmato è “normale”, “urto” (perchè la sollecitazione rilevata è superiore al parametro G-Sensor impostato) oppure è “parcheggio” (attivabile dopo 10 minuti di inattività registrando a 10 fps per risparmiare memoria) oppure “movimento” (in presenza di movimento con veicolo in modalità parcheggio).

guida vocale

Molto utile durante l’utilizzo si è dimostrata la guida vocale in italiano: all’accensione della dash cam comunica l’inizio della registrazione, così da garantire il corretto avvio; dopo una sosta, alla ripartenza, comunica nuovamente il passaggio dalla modalità parcheggio alla registrazione normale, così come in fase di spegnimento comunica la chiusura della dash cam.
Può sembrare un particolare superfluo ma disporre di un interfaccia sonora evita di guardare la telecamera, potendo concentrarsi sulla guida, avendo certezza del funzionamento.
E’ possibile inoltre attivare anche un suono che indica l’eventuale commutazione del filmato da normale a “urto” (buzzer), tipicamente quando durante la marcia il veicolo subisce un “colpo” dovuto a buche, avvallamenti, …

video

Di seguito trovare alcuni video di breve durata per mostrare come si comporta “realmente” la dash cam G-Net GI500; le prove si sono svolte tra l’altro con condizioni meteo ottimali, di giorno; vista la qualità dei componenti (sensore Sony) ed il prezzo “premium”, volendo trovare “il pelo nell’uovo” mi sarei aspettato una qualità video migliore (sia chiaro, stiamo parlando di qualità video superiori, non paragonabili a quelle di dashcam da 50-100 Euro, stiamo parlando di prodotti quasi professionali con qualità già elevata ma è normale per un prodotto da oltre 300 Euro chiedere di essere superiore agli altri). Ma veniamo ai nostri test …

I video diurni hanno nitidezza in qualità Full HD: i movimenti appaiono fluidi e lineari. E’ comunque presente, come in tutti i modelli anche più costosi, un piccolo disturbo nel filmato  se si esegue un fermo immagine con zoom si nota un “rumore” dell’immagine dovuto alla grana dei pixel ed alla risoluzione Full HD. La telecamera posteriore, per comodità non riportata nel video sottostante, fa il suo dovere, cioè con una risoluzione D1 consente di definire l’ambiente a retro del veicolo, fornendo un’ulteriore elemento per la ricostruzione di quanto accaduto.

qualità reale di un video risoluzione Full HD (ripresa diurna)

I video notturni, come accade su tutte le telecamere, appaiono meno nitidi e più sgranati: l’effetto è comune a tutte le dashcam, dovendo lavorare in condizioni di luce “difficile”, con forti contrasti di chiaro/scuro (fari dell’auto). Le immagini dell’ambiente ripreso sono comunque valide: è visibile la strada immediatamente avanti il veicolo, così come è percepibile la segnaletica stradale presente (orizzontale, verticale, luminosa, …), ma non è possibile determinare la targa di un veicolo che si incrocia. La telecamera posteriore risente maggiormente della mancanza di luce.

qualità reale di un video risoluzione Full HD (ripresa notturna)

qualità delle foto

Questa telecamera, come la Blackvue DR650GW-2CH, entrambe coreane, non consente di scattare direttamente istantanee (fotografie), perchè nella filosofia dei fabbricanti asiatici di Seul semplicemente non è richiesta; è possibile comunque tramite App dedicata e Wi-Fi ottere delle immagini, così come dal programma PC Viewer al computer.

funzione Parcheggio

La modalità Parcheggio si attiva automaticamente ogni qualvolta la telecamera non rilevi movimento da parte del veicolo per almeno 10 minuti, riducendo la frequenza di cattura a 10 fps, risparmiando dunque  memoria e preziosa energia della batteria dell’auto.

telecamera posteriore

La dash cam GI500 prevede di serie una seconda telecamera posteriore con risoluzione D1 480p, sufficiente per registrare quanto accade a retro del veicolo. E’ possibile anche non montare questa telecamera, essendo indipendente da quella frontale eccetto per il cavo di alimentazione, però a livello di schermo touchscreen appare una parte di schermo di colore viola che con un semplice tocco può essere eliminato..
La seconda telecamera viene alimentata ed invia le immagini alla telecamera anteriore tramite un cavo da far passare sotto il rivestimento del tetto oppure sfruttando lo spazio sotto le guarnizioni delle portiere. L’aggancio del cavo appare stabile e molto preciso.

montaggio

Per questa tipologia di telecamera il montaggio avviene tramite supporti biadesivi: sono di ottima qualità e trasparenti, rendendo semplice e poco visibile le telecamere. I supporti biadesivi restano fissi al vetro del veicolo, mentre ad es. la telecamera anteriore può essere facilmente smontabile. E’ sufficiente fissare le telecamere, collegare i cavi (la scheda di memoria microSD è fornita di serie, nel nostro caso era da 128 GB, ma è disponibile anche con tagli da 64 e 32 GB), alimentare il tutto con la presa 12V e attendere l’accensione del display touchscreen; con scheda di memoria inserita, quando la dash cam GI500 viene alimentata, la registrazione si avvia automaticamente con l’avviso della guida vocale, se attivata.

Un consiglio: è sempre consigliabile far passare il cavo lungo il parabrezza, farlo passare nel coprimontante e farlo scendere fino a raggiungere la presa accendisigari, per nasconderlo alla vista e rendere piacevolmente pulito l’abitacolo del veicolo.

manuale di uso e manutenzione

Nell’esemplare provato, viene fornita una “guida rapida”, cioè un brevissimo manuale di 8 pagine dove vengono indicati le istruzioni di base sul montaggio e l’utilizzo; per poter invece capire tutte le funzioni della telecamera è possibile scaricare il manuale di uso e manutenzione in italiano dal sito di Assistenza Video Auto (https://assistenzavideoauto.com/area-download). Molto ben fatto, ordinato correttamente, scritto in modo comprensibile, è realizzato con cura (non è una semplice traduzione dall’inglese), contiene tutte le molte informazioni necessarie per utilizzare e mantenere al meglio questa dash cam GI500.

riproduzione dei video

La riproduzione dei filmati può avvenire in diversi modi:

  • direttamente dal display, premendo  sul touchscreen “Play”
  • tramite smartphone con l’app G-NET, così come la visione in tempo reale
  • tramite pc con programma dedicato PC Viewer, davvero molto ben fatto, con interessanti funzioni e  dove è possibile impostare anche i parametri di funzionamento della dashcam
  • con i classici programmi Windows Media Player, VLC Player, … perdendo però i parametri dinamici (accelerazioni, …) registrati dalla dashcam e solo dopo aver salvato i filmati in modalità AVI.

Con computer recenti (diciamo con almeno 2 GB di memoria RAM ed una scheda video dedicata da almeno 1 GB) la visione appare fluida, senza interruzioni o scatti, meglio se più potenti.

configurazione delle impostazioni

La dash cam GI500 si distingue rispetto ad altre telecamere per il display touchscreen che consente di accedere rapidamente al menu di impostazione (setup) di funzionamento in modo semplice ed intuitivo.
Tornando al menu di configurazione, è possibile accedervi anche con 2 altre modalità diverse:

  1. direttamente dall’app GNET una volta collegata in WIFI la telecamera con il Wi-Fi dongle
  2. dal programma PC Viewer (per questo è necessario togliere la scheda microSD ed inserirla nell’adattatore USB fornito in dotazione e collegarla al pc).

Mentre nel primo caso le modifiche sono istantanee ed al termine viene riavviata automaticamente la dashcam, nel caso del programma PC Viewer all’inserimento della microSD nella dashcam al primo riavvio le modifiche vengono acquisite ed aggiornata la dashcam.

ricambi

G-Net System, quale fabbricante di prodotti di fascia premium, offre i ricambi per i propri modelli di telecamere: considerando la robustezza e la qualità delle plastiche utilizzate, difficilmente serviranno come ricambio, preferendo magari avere un secondo kit per spostare la dashcam magari su una seconda auto.

prezzo al pubblico

Al momento del nostro test il prezzo della dash cam GI500 con scheda da 32 GB era di 269 Euro, con scheda da 64 GB era 279 Euro, mentre la versione top con scheda da 128 GB era proposta a 299 Euro; gli accessori GPS logger ed il Wi-Fi sono offerti anche in un kit completo a soli 40 Euro. Il prezzo non è proprio alla portata di tutti ma la qualità costruttiva e la tecnologia ci sono, e comunque viene offerta ad un prezzo inferiore rispetto a diretti concorrenti (tipicamente la BlackVue DR650GW-2CH, offerta ad un prezzo superiore).

cosa manca:

Difficile trovare qualche difetto a questa telecamera. Volendo essere molto pignoli la nota che si potrebbe sollevare sarebbe relativa alla risoluzione della telecamera posteriore.
Se poi fosse stata poi disponibile con risoluzione Super HD o QHD sarebbe stata … perfetta, ma anche il prezzo sarebbe lievitato!

il giudizio finale:

La dashcam G-Net GI500 è una telecamera innovativa sotto molti punti di vista: alla tradizionale soluzione dual camera Full HD/D1 unisce l’innovazione del touchscreen e soprattutto la tecnologia JDR, unica nel suo genere; la connessione WIFI su smartphone e tablet ed il GPS logger in versione mini, disponibili come accessori, la rendono completa sotto ogni punto di vista ed adatta per essere montata in un qualsiasi veicolo con parabrezza e lunotto; è prodotta da G-Net System Co., Ltd, fabbricante coreano presente da anni nel settore dei dispositivi di sicurezza.
La parte interna (chipset + sensore CMOS) è di qualità, con un obiettivo grandangolare da 135°, in linea con gli standard in uso per altri modelli.
La risoluzione video Full HD è buona, così come utile è la telecamera posteriore, anche se la sua risoluzione è limitata al D1.
Ben fatto ed esteticamente gradevole il guscio esterno in plastica rigida, così come le finiture e l’assenza di viti a vista.
Interessante la commutazione automatica delle modalità di registrazione Normale/Urto/Parcheggio/Movimento che consente di risparmiare memoria e tutelare ulteriormente il veicolo in caso di sosta, sempre che la telecamera sia alimentata anche a motore spento.

Il nostro giudizio (1-10, con 1=pessimo; 10=eccezionale):

estetica: 9

tecnologia: 10

facilità di montaggio: 9 1/2

facilità d’uso: 9

novità: 10

prezzo: 8 1/2

giudizio globale: 9 1/2

dashcam GI500 touchscreen-giudizio positivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contattaci

Il nostro sito utilizza cookie per rendere migliore la tua esperienza di navigazione; proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo di cookie tecnici, analitici, terze parti e delle altre tecnologie descritti nella nostra cookie policy. Per maggiori dettagli e/o per modificare le tue impostazioni di utilizzo dei cookie clicca su Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi